YouTube e NON sai cosa vedi!

you tube logo
Allora vi dico subito che oggi questo post non sarà molto simpatico o almeno non sarà particolarmente gradito a qualcuno…vabbè pace! Vi dico però che se ho fatto un corso professionale di make-up è perchè oltre ad avere una normale predisposizione per i lavori manuali e creativi ed amare la comunicazione, sono rimasta affascinata da alcuni trucchi visti su you tube che mi hanno dato lo slancio giusto per dire…anche io ce la posso fare!
 
Quando ho deciso di intraprendere questa nuova “carriera” ho capito che prima di tutto avrei dovuto cercare una buona scuola dove studiare per apprendere la tecnica! Per scegliere la giusta scuola ho fatto ricerche su ricerche e alla fine ho stilato la mia lista di scuole da visitare prima di prendere una decisione finale. Ho fatto tante domande, ho visto tanti depliant e parlato con tutti i responsabili dei corsi…alla fine la scelta è avvenuta automaticamente e ancora oggi sono convinta di aver scelto l’insegnante migliore sotto ogni punto di vista! Prima di pagare, ho richiesto di poter assistere a qualche lezione, anzi a dire il vero sono stata invitata ad assistere senza impegno e così tra una pausa e l’altra ho fatto anche domande alle allieve per capire se avevo visto bene e se invece avevo preso un abbaglio! Insomma solo quando sono stata convinta al 100% mi sono iscritta e oggi eccomi qui!
 
Dopo questa premessa, che era giusto fare, torniamo all’argomento del giorno: You Tube! Qualche mese fa erano pochissime le persone online che facevano recensioni su vari prodotti cosmetici e che facevano vedere i loro trucchi e spiegavano come realizzarli, insomma erano davvero poche le persone che proponevano il loro “tutorial”. Oggi ce ne sono tantissime e ogni giorno c’è qualcuno che si alza e pensa che siccome ci sono anche altre persone che lo fanno, lo devono fare anche loro. Negli ultimi 6 mesi ho visto 1000 tutorial almeno e devo dire che ne ho viste e sentite di tutti i colori!
 
Prima di andare avanti è doveroso dire che se truccatori improvvisati utilizzano il canale you tube per i loro “tutorial”, la cosa mi fa troppo ridere, è perché la professione del truccatore, visagista, make-up artist o come molti amano farsi chiamare ultimamente; make-up consultant, non è una professione riconosciuta, almeno non in Italia. Mi spiego meglio. L’estetista per farsi chiamare estetista ha fatto una scuola di 3 anni e ha ottenuto un diploma, il truccatore non deve avere in diploma, può formarsi presso scuole o altri make-up artist, ma non deve, per lavorare, esibire nessun pezzo di carta! Quindi, se avete intenzione di intraprendere questa professione è bene che sappiate che chi vi propone un esame finale (per il quale per le altre cose vi chiede anche dei soldi) e vi dice che alla fine vi rilascerà un diploma, vi sta prendendo soltanto in giro! Diverso è il discorso se si parla di un attestato rilasciato dalla Regione, ma in quel caso un corso dura 500 ore almeno e il “pezzo di carta” viene rilasciato dalla Regione e non dal privato!
 
Fatta anche questa seconda precisazione è facile capire come mai ci sono così tante persone che aprono un canale e iniziano a dare suggerimenti su prodotti e/o mostrano i loro trucchi appena creati. Non ci vedo niente di male per carità, anche io qui faccio lo stesso…parlo di prodotti che ho comprato, che ho provato su di me e che consiglio o sconsiglio semplicemente seguendo mio gusto personale. Quando parlo di make-up però, non improvviso mai, parlo perché ho assistito ad una lezione di una professionista che lavora in questo campo da oltre 20 anni, che propone lavori di un certo “spessore” e che durante le lezioni ci spiega perché un trucco va fatto in un modo e non in un altro, perché si utilizza un pennello e non un altro, perché si utilizza un prodotto e non un altro…insomma ci insegna, nel vero senso della parola!
 
Io non dico che una persona non deve aprire un canale e proporre un suo trucco o dire che cosa pensa su un prodotto in particolare, io sostengo però che quando si danno delle informazioni a persone che magari sono “nuove” del campo, bisogna essere precisi e sapere che cosa si sta dicendo. Faccio un esempio senza fare nomi…ho visto un tutorial di una ragazza che vive in Inghilterra che ha un discreto seguito e diversi iscritti al suo canale. Un giorno sono capitata per caso su questo canale e ho deciso di vedere qualcuno dei suoi video caricati. Allora, finché faceva vedere i suoi trucchi e come realizzarli non ci ho visto niente di male, nel senso, anche se a me non piacevano riconosco che non tutti hanno i miei stessi gusti e sicuramente qualcuno li ha trovati belli e ha anche provato ad imitarli, quindi fin qui tutto ok, ma appena ho sentito quali informazioni forniva al “suo pubblico” per la scelta del giusto fondotinta non ci ho visto più! Non si può dire che tutti abbiamo un sotto tono giallo o che per coprire le occhiaie dobbiamo utilizzare un color beige e un color salmone, perché sinceramente non c’è niente di più sbagliato e dare un’informazione di questo tipo a persone giovani che si avvicinano al make-up per la prima volta e che si fidano di ciò che sentono su you tube, lo trovo davvero sconfortante.
C’è anche da dire che dopo un tot di iscritti, dopo un tot di voti ricevuti e di visualizzazioni, il “proprietario” del canale inizia anche a guadagnare…quindi occhio! Ci sono Guru, così si chiamano i più seguiti su you tube, che non solo guadagnano grazie a voi, ma che guadagnano anche per parlare di prodotti che le case cosmetiche gli inviano proprio perché hanno molti iscritti…insomma un gran bel business!
 
Potrei andare avanti per ore, ma mi fermo qui. Vi dico solo però che nei prossimi giorni vi parlerò delle persone, non mi piace chiamarle guru o altro, che seguo su you tube e vi dirò perché le seguo e soprattutto che cosa mi piace di loro. 
 
Ci sentiamo presto!
 
 

Follow:

1 Comment

  1. January 20, 2011 / 6:29 pm

    ti diro’… trovo abbastanza triste che la professione non sia riconosciuta perche’ penso che da certi punti di vista vi aiuterebbe, quanto minimo ad aver maggiore dignita’ professionale. D’altro canto, in un certo senso siete fortunati a non dover sottostare a determinate imposizioni assurde, tipo quelle che ci sono in alcuni campi (penso al mio, psicologia… se vuoi essere psicologo devi fare l’esame di stato abilitativo oltre all’universita’, senza quello non puoi esercitare, ma a quest’esame nessuno ti prepara e sono anni che non si capisce bene come gestire la cosa…), solo che cosi’ ovviamente chiunque puo’ improvvisarsi qualunque cosa… e io concordo sui tutorial, penso che sia bello vederne di chiunque, pero’ i consigli etc andrebbero dati pensandoci mille volte e informandosi un sacco. E mica solo in campo make up… ne sento tante di cacchiate del mio, di generalizzazioni e via dicendo che… ;___;

Leave a Reply