Viaggiare con Grazia… USA tra Indiani & Cowboys

Ci eravamo lasciati a Denver, da cui proseguiamo per un tour insolito nel cuore degli Stati Uniti. La Terra di Indiani e Cowboys, questo itinerario vi farà scoprire un’insolita America, il cuore di un grande paese dove la gente è genuina e le tradizioni sono ancora vive. Un viaggio nel West, immersi nell’autentica atmosfera dell’opera della frontiera. Sulle tracce dei pionieri, alla scoperta delle terre indiane, tra parchi spettacolari ed immense praterie.

Lasciamo Denver per l’ascesa al Rocky Mountain National Park attraverso la Trail Ridge Road, con più di 100 vette, è uno dei parchi più visitati grazie anche alla sua vicinanza a Denver. Essendo molto grande, ci sono ben sette centri sparsi nel parco:

  • Beaver Meadows Visitor Center: è il centro visitatori principale, aperto tutti i giorni dell’anno (tranne a Natale e per il Giorno del Ringraziamento). Qui potrete assistere ad un documentario della durata di circa 20 minuti sulla storia del parco e potrete ritirare le mappe ed ottenere tutte le informazioni necessarie per la vostra visita.
  • Alpine Visitor Center: si tratta del centro visitatori situato nel punto più alto del parco a più di 3500 metri di altitudine, è però chiuso dall’autunno alla primavera.
  • Fall River Visitor Center: periodicamente sono esposte mostre che illustrano la varietà di fauna e flora della zona anche attraverso sculture a grandezza naturale. È un centro aperto dall’estate alla primavera, durante i mesi invernali le aperture sono limitate ai giorni in prossimità delle festività più importanti.
  • Kawuneeche Visitor Center: è il punto informazioni principale per chi visita la parte ovest del parco nazionale, anche per questo è aperto tutto l’anno con orari che variano a seconda delle stagioni.
  • Moraine Park Discovery Center: si trova lungo il corso della scenografica Bear Lake Road ed è chiuso durante i mesi invernali.
  • Sheep Lakes Information Station: l’area intorno a questo centro visitatori è ottima per poter osservare molti animali allo stato brado fra cui la famosa Pecora delle Montagne Rocciose.
  • Holzwarth Historic Site: più che un centro visitatori si tratta di una ricostruzione di un ranch risalente agli anni ’20 del ‘900 in cui potrete scoprire come era la vita di un colono di questa parte selvaggia degli Stati Uniti. Potete fermarvi più giorni per poter apprezzare appieno la bellezza di questo territorio, tornando a Denver ogni volta o nelle vicine cittadine, prima di proseguire verso Cheyenne, capitale dei rodeo nel vecchio West.

Lasciata la cittadina, proseguendo per il South Dakota si potrà visitare il più grande sito archeologico in materia di Mammoth, per poi arrivare al mitico Crazy Horse Memorial ovvero Cavallo Pazzo. che viene ricordato come uno strenuo difensore delle tradizioni dei nativi americani ed un personaggio determinante per la sconfitta di George Armstrong Custer nella battaglia di Little Big Horn. Potete passare la notte a Rapid City, per poi proseguire per Badlands National Park, parco dal paesaggio e dai colori stravaganti, dove potrete fotografare delle particolari formazioni rocciose, che, grazie ad un particolare processo di erosione, hanno assunto forme e colori affascinanti.

Ripartendo da Rapid City, vi consiglio di salire a bordo del “1880 Train” per raggiungere le Black Hills e visitare Mt Rushmore, dove sono raffigurati i volti dei 4 Presidenti degli Stati Uniti: George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosvelt e Abraham Lincoln, scelti rispettivamente come simboli della nascita, della crescita, dello sviluppo e della conservazione degli Stati Uniti. Un’opera fatta dell’uomo, ma che merita davvero una visita, prima di proseguire per Devils Tower National Monument:  un monolite alto 1.588 metri e reso famoso dal film di Spielberg Incontri ravvicinati del 3° Tipo.

Dopo aver dormito a Sheridan, il viaggio può proseguire attraverso il suggestivo scenario del Bighorn Pass per raggiungere Cody, la città di Buffalo Bill. Concedetevi una giornata di visita in questa cittadina e al Buffalo Bill Historical Center museo, considerato il più bello di tutto il vecchio West.

Il vostro cammino vi porterà finalmente ad uno dei parchi più belli, famosi e controllati, non solo degli Stati Uniti, ma di tutto il mondo, per la morfologia del suo territorio… lo Yellowstone (Per chi è vintage come me si ricorderà sicuramente l’orso Yoghi e Bubu). Situato nel cuore delle Rocky Mountains, il parco ricopre un altopiano circondato da montagne. È il più vecchio e il più grande dei parchi naturali degli Stati Uniti. Ciò che attira è la sua originalità e la bellezza dei suoi molteplici fenomeni vulcanici, come il geyser “Old Faithful” che entra in azione circa ogni ora. I fenomeni termali non sono la sola attrazione del parco, che offre al visitatore un paesaggio di montagne, laghi e fiumi pescosi. Yellowstone è la più grande riserva animale degli Stati Uniti e l’orso ne è il suo portafortuna. Il parco accoglie più di 3 milioni di visitatori ogni anno, che arrivano da tutto il mondo per vedere l’Old Faithful eruttare e per ammirare il vapore e le fumarole di Mammoth Hot Springs.

Yellowstone è bellissimo nei mesi estivi, ma sappiate che una visita durante la bassa stagione significa meno gente sui siti naturalistici. Un altro modo per trovare pace e tranquillità è quello di allontanarsi ulteriormente dalla vasta rete di strade asfaltate di Yellowstone. Il parco vanta centinaia di chilometri di sentieri serpeggianti attraverso la Lamar Valley e lungo le sporgenze del Grand Canyon dello Yellowstone. Più vi allontanerete dai centri affollati, più alte saranno le probabilità di avvistare alcuni dei famosi animali selvatici che abitano il parco come: bisonti, alci e orsi. Che dire.. prendetevi tutto il tempo che avete per ammirare questa meraviglia della natura. Solo la visita a questo immenso parco, vale tutto il viaggio.

Lasciando lo  Yellowstone attraversando il Continental Divide lo spartiacque Americano, sino al Grand Teton National Park, si arriva alla caratteristica cittadina di Pocatello, dove ci si può fermare per la notte. Da qui si può poi proseguire per Salt Lake City, capitale dello Utha, che prende il nome dal grande lago salato immediatamente a nord-ovest della città. Da qui, riscendendo verso sud, si arriva di nuovo a Denver, attraversando diversi parchi, tra i quali il Moab e il Parco degli Archi, di cui abbiamo già parlato.

Oggi ho voluto darvi degli spunti per conoscere una parte degli Stati Uniti che non sempre viene presa in considerazione, essendo spesso fuori dalle rotte principali . A mio avviso è un territorio davvero speciale che vi permetterà di vivere il vecchio West e toccare con mano le tradizioni delle antiche popolazioni che intrecciarono la loro vita con i “nuovi” arrivati da terre lontane, per scoprire un’America autentica e pura. Alla prossima, Grazia

Grazia

Maria Grazia Spotti
Consulente di viaggi

Mobile: 320/4827521 
Email: viaggiarecongrazia@gmail.com
Skype: grazia.24974

Pagina Fb https://www.facebook.com/agenteviaggilastminutetour

 

 

Follow:

9 Comments

    • Grazia
      October 22, 2019 / 9:30 pm

      It is an itinerary out of the classics. It certainly deserves to be seen. Then the Yellowstone must be a show

  1. Mama Maggie's Kitchen
    October 22, 2019 / 10:01 am

    Wow! Looks like you really had soo much fun and excitement along your journey. Hope I could visit these wonderful place you’ve mentioned, too!

    • Grazia
      October 22, 2019 / 9:31 pm

      It is an itinerary out of the classics. It certainly deserves to be seen. Then the Yellowstone must be a show

  2. 40yearflip
    October 22, 2019 / 1:47 pm

    Sounds like a great trip, and the photos are beautiful. I have never been to most of these places, but I’d love to go!

    • Grazia
      October 22, 2019 / 9:33 pm

      I’ve never even been there, but I’d love to.

  3. October 22, 2019 / 6:28 pm

    Beautiful photos and this sounds like such a fun trip! I would love to do this with my family one day!

    • Grazia
      October 22, 2019 / 9:34 pm

      I hope you can do it soon!

  4. October 23, 2019 / 11:49 am

    I wish I could visit all these places!

Leave a Reply