Viaggiare con Grazia…Isole Canarie prima parte

A quattro ore di volo, circa, dall’Italia c’è un arcipelago di 7 Isole spagnole regine dell’Oceano Atlantico: Le Canarie.  Tenerife, Fuerteventura, Gran Canaria, Lanzarote, Las Palma, La Gomera e El Hierro.

Turisticamente parlando sono solo le prime quattro che ormai da anni accolgono tantissimi turisti che vogliono passare qualche giorno al caldo e in posti dove la natura è davvero sorprendente in qualsiasi momento dell’anno. Infatti le Canarie, grazie al loro clima mite, influenzato non solo dalla posizione, ma anche dal passaggio della corrente del Golfo, sono una delle mete preferite soprattutto in inverno. Fino a circa 20 anni fa, erano le persone di una certa età e del nord Europa, che le sceglievano come destinazione dove “svernare” in inverno. Oggi invece grazie anche all’innumerevole scelta recettiva e allo sviluppo turistico che offrono, le Canarie vengono scelte da qualsiasi tipologia di viaggiatore. Dal “nonnino” che ha voglia di caldo tutto l’anno, a gruppi di amici che vogliono scoprire e girare in piena libertà, alle famiglie che prediligono una vacanza relax con tutti i benefit dei villaggi.

Oggi ci concentriamo su due isole: Gran Canaria e Fuerteventura.

Gran Canaria, terza isola per estensione e seconda per popolazione, ha una temperatura mite che non scende mai sotto i 22° tutto l’anno, anche se al suo interno troviamo la vetta più alta Pico delle Nieves alta quasi 2.000 mt. A questo proposito si dice, che a Gran Canaria, mentre sulle spiagge la gente è in mare, al suo interno scia.  L’isola è davvero molto particolare nella sua natura. Il nord, dove troviamo la sua capitale e la cittadina più popolosa, Las Palmas, è la parte più umida a causa delle correnti atlantiche che lambiscono le coste.

La parte sud occidentale invece è più calda e secca, a causa dei venti provenienti dall’Africa, che da qua non è molto distante. Non a caso questa parte è anche la più turistica, dove si sono concentrate la maggior parte delle strutture. La cittadina più famosa è Maspaolomas, dove insieme a tanti piccoli centri fino a Pueto de Mogan, troviamo non solo hotel, villaggi e appartamenti, ma anche locali notturni, bar, ristoranti e negozi per lo shopping. Su questa costa possiamo trovare da gruppi di amici a famiglie con bambini  e anziani che passano ore spensierate in un habitat davvero unico fatto di palme e dune di sabbia dal colore dorato.

In particolare Playa de Ingles è la zona  con la maggior parte delle strutture recettive. Non mancano però anche centri di interesse culturale come musei e centri congressi di tutto rispetto. tra i più visitati e importanti possiamo citare il Museo degli Aborigeni, dedicato ai nativi dell’isola con reperti archeologici e il Palmitos Park che raccoglie numerose specie di flora e fauna tropicale. In questa parte dell’isola troviamo le famose dune, un pezzo di Sahara in mezzo all’Oceano Atlantico. Ricordiamoci che siamo su un’isola e che il vento spesso la fa da padrone, pertanto se siete qua cercate di tenere riparati gli occhi, perché le folate di vento alzano la sabbia creando non poche difficoltà alla vista.

Per chi cerca una vacanza in pieno relax consiglio Puerto de Mogan. Piccolo borgo marino, con case colorate e piccoli ponti, ricorda molto i paesini del Mediterraneo, offre al visitatore una atmosfera più rilassante. Qui possiamo anche recarci al mercatino dell’antiquariato più famoso dell’isola. Las Palmas la consiglierei a chi ama i centri più grandi. Il luogo di ritrovo per eccellenza è la sua spiaggia Playa de Las Canteras, una lingua di sabbia che per i suoi abitanti è il luogo di ritrovo per eccellenza, per incontrare amici, meditare, far giocare i bambini. Grazie alla sua posizione è il luogo ideale per fare surf e windsurf.

All’interno delle cittadina possiamo inoltre trovare parchi acquatici e centri commerciali. Questa parte dell’isola è toccata anche dalle navi da crociera, dove ogni anno sbarcano migliaia di turisti per beneficiare di tutto quello che quest’isola offre. Gran Canaria non è solo mare ma, come dicevo sopra, al suo interno sono presenti montagne davvero alte e adatte a chi ama fare trekking.

La sua natura vulcanica ha fatto sì che qui siano presenti flora e fauna davvero particolari, tanto che l’Unesco ha costituito più della metà del territorio dell’isola come “Riserva della Biosfera“.  I picchi più importanti e ritenuti sacri dai nativi canarii sono il suddetto Pico de Las Nieves e Rouque Nublo, quindi non ci resta che indossare gli scarponi, prendere la borraccia e con tanta buona volontà iniziare la scoperta di questo territorio davvero molto particolare.

Fuerteventura, la più antica dell’arcipelago e la più vicina al Marocco, è di origine vulcanica, dove alle pendici dei vulcani, spenti, troviamo spiazzi di colore verde o rosso acceso in base alla stagionalità dell’aloe. Infatti questa pianta dai mille usi è una voce importante nell’economia dell’isola. L’isola lenta, come viene soprannominata, regala un paesaggio quasi lunare. Distese desertiche, con spiagge e dune dai colori che passano dal bianco al nero.

Paesaggi agresti dove soffia il vento, e dove appunto troviamo le coltivazioni di aloe, al colore del mare che passa dal verde smeraldo all’azzurro cristallino dove si rispecchia il cielo blu e dove sulla costa occidentale che guarda verso le Americhe, si infrange burrascoso sulla costa.  Fuerteventura è la meno mondana, quella più tranquilla dove rigenerare mente e corpo. Il centro abitato per eccellenza è Corralejo, dove sono concentrate le strutture turistiche, gli appartamenti, gli hotels ed i vari villaggi con ogni confort per il visitatore.

L’isola la consiglierei a tutti coloro che cercano un mare davvero da togliere il fiato (non per altro io la chiamo la Formentera dell’Atlantico)…alle famiglie con bambini ed alle coppie che vogliono solo relax e buon clima. Insomma per tutti coloro che vogliono staccare la spina e vivere una settimana senza pensieri. A nord dell’isola troviamo le famose Dune di Corralejo, un parco naturale, che fanno da cornice ad una bellissima e grande spiaggia bianca. Attraversandola troviamo  deliziosi paesini, con casette basse e bianche, Lajares, dove il sabato c’è un mercatino dell’artigianato, Betancuria è la vecchia capitale. Per trovare un po’ di storia bisogna spingersi verso la penisola di Jandìa: lì sorge Villa Winter, un edificio in stile coloniale.

Qui oltre al mare, c’è anche il vento ed infatti è il luogo ideale per chi ama gli sport acquatici come surf, windsurf e kite surf. L’interno è sicuramente da visitare noleggiando uno scooter, un’auto o un quad, chi ama mantenersi in forma può anche affittare una bici e percorrere uno dei numerosi sentieri studiati apposta lungo un territorio a volte un po’ agreste.

Queste sono solo le prime due isole dell’arcipelago…che come avete potuto leggere sono molto diverse tra loro. Spesso le Canarie non vengono prese in considerazione per una vacanza, perché l’acqua risulta essere più fredda rispetto ad altre zone ma, a parere mio, hanno davvero tantissimo da offrire. Come sempre se avete bisogno si me, sapete dove trovarmi. Un abbraccio Grazia.

Grazia

Maria Grazia Spotti
Consulente di viaggi

Mobile: 320/4827521 
Email: viaggiarecongrazia@gmail.com
Skype: grazia.24974

Pagina Fb https://www.facebook.com/agenteviaggilastminutetour

 

Follow:

8 Comments

  1. May 13, 2019 / 7:46 pm

    It looks like a beautiful place to visit! I’ll have to put it on our list.

    • Grazia
      May 14, 2019 / 1:34 pm

      Sono 4 isole che offrono favvero molto al visitatore, ti auguro di poterle visitare

  2. May 13, 2019 / 10:54 pm

    This would be perfect for a romantic getaway. I am not that familiar with this part of the world, but it looks like a great place to recharge and enjoy the mountains and the sea.

    • Grazia
      May 14, 2019 / 1:36 pm

      Verissimo, sono luoghi ideali per rigenerare mente e corpo. Sono sorprendenti nella loro natura e nn deludono mai!

  3. May 14, 2019 / 6:26 pm

    This looks like a stunning getaway! Definitely adding to my list of places to travel.

    • Grazia
      May 15, 2019 / 9:31 pm

      Settimana prossima parleremo delle altre due… Avrai poi l imbarazzo della scelta

  4. Holly Lasha
    May 15, 2019 / 6:09 pm

    This looks like a beautiful place to visit.

    • Grazia
      May 15, 2019 / 9:32 pm

      Il mondo è tutto meraviglioso.. Si ha solo l imbarazzo della scelta

Leave a Reply