Viaggiare con Grazia a…Dubai

Dubai

Quando si parla di Dubai –  città che si affaccia sul Golfo Persico, nella penisola Arabica – si pensa subito al lusso, agli hotel di 6 o 7 stelle, ai grattacieli che toccano le nuvole e si pensa bene. Dubai è, secondo me, una città pazzesca, da vedere almeno una volta nella vita., ma è anche la città degli eccessi per eccellenza, dove tutto è immenso.

A metà degli anni ’80 Dubai era un piccolo villaggio circondato solo dal deserto e dal petrolio. In passato, grazie alla sua posizione strategica nel Golfo Persico è sempre stato un importante polo commerciale, forse il più importante tra oriente ed occidente ed è stata anche un villaggio di pescatori, famoso soprattutto per le perle. E’ in questo periodo che gli sceicchi hanno iniziato a pensare al futuro economico della loro piccola città. Il petrolio prima o poi sarebbe finito e le difficoltà sarebbero iniziate. Così hanno capito che dovevano trasformare il deserto in una attrattiva turistica e nacque Dubai, la città degli eccessi per eccellenza e dei record.

Parlando di record non possiamo non parlare del grattacielo più alto del mondo: il Burj Khalifa che ha al suo interno l’ascensore più veloce del mondo; in un minuto arriva in cima alle nuvole. L’hotel 7 stelle più lussuoso al mondo conosciuto anche come la Vela: Burj Al Arab Jumeirah. L’isola artificiale più grande al mondo: The Palm. L’aeroporto più lussuoso e più frequentato del mondo. Il parco acquatico con lo scivolo con la pendenza più alta al mondo e l’hotel The Atlantis. 

The Palm

Hotel Atlantis Dubai

Quello che non avevano, lo hanno creato. Dubai è stata voluta proprio così. La città si divide in quartieri e non esiste un centro vero e proprio, però in ogni parte c’è qualcosa da vedere. Ottimi sono i collegamenti, i taxi sono molto economici e ottimi sono i servizi bus, con le pensiline di attesa dotate di aria condizionata. La metropolitana ha solo due linee che collegano la città in modo semplice ed efficace. Entro il 2030 saranno attive altre 4 linee e naturalmente essendo la città degli eccessi, anche la metropolitana è la più grande del medio oriente.

I quartieri più importanti sono:

  • la Marina: il quartiere che si estende nel braccio di oceano che entra nella città, dove si innalzano i grattacieli. La Marina è un punto strategico per la movida notturna, con locali, ristoranti , bar.
  • Jabel Alj, è il quartiere commerciale, la sua posizione è ottimale per soggiornare negli hotel e girare la città in ogni suo punto.
  • Jumeirah: è il quartiere sul lungo mare, dove oltre ai locali notturni, si possono fare delle bellissime passeggiate e dove ci sono tra gli hotel e ville più lussuose al mondo.
  • Donwtown: in questo quartiere troviamo il Dubai Mall, il centro commerciale di Dubai, con i lussuosi negozi per lo shopping. Qui troviamo il Burj Khalifa, dove ai sui piedi ci sono le famose fontane danzanti, con i giochi d’acqua che dalle 18.00 di ogni giorno, attirano migliaia di turisti. Nel quartiere di Downtown troviamo anche l’acquario.
  • BurDubai: è la zona più antica della città, quella delle tradizioni, il cuore pulsante. Qui troviamo il Museo e naturalmente i Souk….quelli dei gioielli, delle spezie e dei tessuti.
  • Deira: è il quartiere che si trova al di la del Creek. Altro polo commerciale della città a pochi Km dall’aereoporto.

Lungo la costa di Jumeirah, sono nate le isole artificiali più grandi al mondo. La più famosa e prima ad essere costruita è stata la The Palm. Nei suoi bracci si trovano ville private e nell’anello che circonda la Palma, ci sono tutti gli hotel, tra cui il famoso The Atlantis.

Vista dal Burj Khalifa

Burj Al Arab

Dubai è tutta un parco giochi, come dico sempre io. Ovunque ci si gira c’è qualcosa da vedere e da fare. E’ possibile non solo ammirare i grattacieli, ci sono musei, acquari, parchi giochi acquatici. Lo shopping naturalmente non può mancare, si ha solo l’imbarazzo della scelta. Si possono fare escursioni nel deserto, che io consiglio sempre, perché l’emozione di un’alba o di un tramonto tra le dune di sabbia è sicuramente una delle esperienze più belle che si possano fare.

Safari nel deserto

 

Si può fare una crociera nel Creek sulle imbarcazioni tipiche. Si può’ giocare a golf e si può sciare quando ci sono 40 gradi all’ombra! La popolazione di Dubai è per l’87% straniera, pertanto si possono trovare culture diverse che vivono in armonia tra di loro e questo lo si riscontra molto anche nella cucina. Quindi non troviamo solo cibi arabi, ma anche italiani, europei, americani con fast food ed orientali. Una esplosione di profumi e colori.

Ricordiamoci sempre che Dubai è un paese arabo musulmano, ma che questo non è di nessun ostacolo per il turista, rispettando quelle che sono le regole di questa religione. Naturalmente poi si può e si deve andare al mare!!! Forse il mare di Dubai città non è, secondo me, il migliore, ma appena fuori, per chi ama il relax, si possono trovare strutture dove passare qualche giorno sdraiati al sole.

Quando è il periodo migliore per andare a Dubai? Da Ottobre ad Aprile il clima è secco e le temperature sono in media sui 25 gradi. Da Maggio a Settembre è il periodo più umido e le temperature arrivano anche oltre i 40 gradi. Dubai o si ama o si odia. Io con gli anni ho imparato ad amarla, mi affascina e ogni volta che la propongo scopro sempre cose nuove, anche perché magari nel frattempo hanno costruito un qualcosa di più grande del mondo che non conoscevo!

Come sempre vi lascio con un proverbio, arabo stavolta:

Se il tuo vicino ti odia, sposta la porta della tua casa.

Voi andare a visitare Dubai? Come sempre trovi tutte le offerte qui ed io sono a tua disposizione per qualsiasi chiarimento o info! A presto x

Maria Grazia Spotti
Consulente di viaggi on line Evolution Travel

Mobile: 320/4827521 
Email: grazia.spotti@evolutiontravel.it 
Website: www.viaggiarecongrazia.com 
Skype: grazia.24974 

Follow:

Leave a Reply