Viaggiare con Grazia…Cuba!

Formata da 4.195 tra isole e isolotti, chiamati in lingua locale “cayos”, Cuba è una Repubblica circondata dal Mar dei Caraibi e dall’Oceano Atlantico. Dodici anni fa ebbi la fortuna di vedere una parte di questa meravigliosa terra e oggi vi porto alla scoperta di questo luogo dove il tempo sembra essersi fermato… Cuba!

Partiamo dalla capitale più popolata dei Caraibi, La Habana. Fondata nel 1515, è il centro della culla cubana e non può assolutamente mancare una visita di qualche giorno, per conoscere e comprendere non solo la storia, ma anche il popolo cubano. L’Avana tra i vicoli sconnessi e palazzi fatiscenti, riporta indietro in un passato che sembra non essere mai andato via, ma girando un qualsiasi angolo ci si può ritrovare di fronte a palazzi restaurati e a palazzi moderni che guardano verso il futuro.

Lo Stile Barocco, l’Art Nouven e lo Stile Coloniale fanno della città vecchia “La Habana Veja”, un monumento storico unico al mondo, tanto che  l‘Unesco l’ha dichiarata Patrimonio Culturale dell’Umanità. Da visitare assolutamente Plaza de la Catedral e Plaza de Armas, il Castillo del Morro e la Piazza della Cattedrale con la Cattedrale di San Cristobal.

Camminando lungo il Malecon, 8 km di passeggiata dove si infrange l’oceano, gli habaneros pescano, pregano, si danno appuntamento e si baciano fino all’alba. Potete sorseggiare un mojito là dove è stato inventato, alla Bodeguita del Medio o il daiquiri al El Floridita. Da non perdere: il Capitolio Nacional, nel quartiere di Havana Centro, ex sede del governo cubano ora trasferito a Plaza de la Revolución, famosa per il murales del Che impresso nella facciata del palazzo del Ministero degli Interni. Perdetevi nei vicoli della città vecchia dove da ogni finestra esce musica e dove la gente sorridente balla per la strada.

L’Havana ti prende dentro, vorresti non partire più. Tra le cose belle della città, ci sono anche le auto d’epoca degli anni ’50 (che si possono anche noleggiare), che vennero abbandonate dagli americani quando iniziò la rivoluzione, e che oggi sono state rimesse a nuovo, mantenendo la loro forma ed il colore originale.

Lasciando la capitale si può iniziare ad esplorare questa meravigliosa terra. Usciti dalla città si può fare una veloce escursione a Valle de Viñalesalla volta della Cueva del Indio, dove ci si può imbarcare su una lancia per visitare la famosa grotta ed attraversare il fiume sotterraneo. Dopo di che si arriva alla Valle de Las Dos Hermanas e al suo Murales preistorico. Non può mancare una visita alla Casa de Tabacos per ammirare la procedura di creazione di un sigaro cubano e salire fino al belvedere dell’hotel “Los Jazmines”, per apprezzare la valle e i suoi bizzarri rilievi giurassici.

Il vostro viaggio deve proseguire per forza verso Santa Clara. Scoprire Santa Clara significa entrare nel cuore pulsante della rivoluzione cubana e, letteralmente, nel centro geografico dell’isola. Legata in modo indissolubile al comandante Guevara, questa città è giovane, attiva, spumeggiante e ribelle. La sua storia è fatta di famose battaglie e conquiste, il suo presente di studenti eruditi, vita notturna scoppiettante e una vita artistica molto vivace. Da non perdere: il Mausoleo di Che Guevara e dei compagni che erano con lui nella sua ultima missione, un luogo diventato di culto.

Proseguendo verso sud si arriva a Cienfuegos, ma prima vi consiglio una breve sosta alla “Fiesta Campesina” dove potrete visitare un allevamento di coccodrilli all’interno dell’area della Boca de Guamá. Potrete anche fare un giro in barca veloce nella laguna del Tesoro e una visita della Aldea Taìna. Potrete poi proseguire la visita di “Punta Perdiz”, dove vi sarà impossibile non rilassarvi sulla spiaggia (attrezzatura da snorkelling inclusa). Dopo la sosta potete raggiungere Cienfuegos, conosciuta anche come la “Perla del Sud”, Patrimonio dell’Unesco, è uno dei luoghi più belli e caratteristici di Cuba. Fondata nei primi anni dell’800 dai coloni francesi, è oggi un connubio perfetto tra l’aplomb francese e la spumeggiante anima caraibica. Raffinata, elegante, con un’omogeneità architettonica invidiabile, Cienfuegos è una città ricca e vivace, caratterizzata allo stesso tempo da uno spirito calmo e soave. Da non perdere: Punta Gorda, una lingua di terra affacciata sul mare, dove fare snorkeling, immersioni guidate e tour in barca.

Lasciata Cienfuegos si arriva a Trinidad. Dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco, Trinidad è un museo a cielo aperto, esempio perfetto di architettura coloniale. Fondata da Diego Velasquez nel 1514 e sorta grazie alle ricchezze derivate dalla produzione di zucchero. Elegante e romantica, la vita scorre ad un ritmo pacifico e rilassato. Il centro storico si snoda in stradine lastricate, percorse ancora oggi da carri e gente a cavallo. Da non perdere: Plaza Mayor, nel cuore della città, un delizioso giardino circondato da chiese e case d’epoca, con la sua famosa “scalerà”, le palme al centro e il giallo delle facciate dell’Iglesia Parroquial de la Santísima Trinidad. Io in questa cittadina vi consiglio di fermarvi almeno due, tre notti, per vivere con la gente locale e per poter assaporare a pieno l’anima cubana.

Potete poi percorrete, a piedi, la strada verso Camagüey, una città labirinto chiamata così a causa della sua complicata struttura urbanistica che si sviluppa con una fitta ragnatela di stradine che si perdono tra piazzette, viuzze sinuose e chiese barocche. Visitate la Piazza San Juan de Dios ed la chiesa che porta lo stesso nome.

Spingendovi a sud arriverete a Santiago de Cuba. Seconda città dell’isola caraibica per popolazione ed estensione, Santiago de Cuba è il vero centro sfavillante della cultura cubana. Caotica e splendida allo stesso tempo è un intreccio di tradizioni, costumi e identità che si mescolano e generano una personalità unica e indimenticabile. La vita quotidiana scorre a ritmo frenetico e incalzante: è una città che non dorme mai, che mai si ferma, trascinata dalla sua musica che pervade tutti gli aspetti culturali del Paese. Le strade si snodano attorno a palazzi di svariati stili architettonici, dal barocco al coloniale fino al neoclassico. Restarne indifferenti è davvero impossibile. Ma Cuba non è solo natura, storia , musica e rum. Cuba è anche mare.

A pochi Km da L’Havana, c’è Playa dell’Este. Chiamata anche la spiaggia della città, per la sua vicinanza ad essa, di certo non deluderà i sui visitatori. Km di spiaggia bianca e acque cristalline, permettono a chi decide di fermarsi qualche giorno in più nella capitale, di poter spezzare le visite cittadine, con relax e mojto sotto un ombrellone  senza dover fare troppi chilometri. La località più famosa per il mare è senza dubbio Varadero; 23 km di sabbia bianca e di mare turchese. Questa località è divenuta il simbolo della vacanza rilassante e, allo stesso tempo, divertente grazie a un lungomare costellato di animatissimi bar dove degustare ottime qualità di rum e locali per ascoltare e ballare ogni tipo di musica locale, dalla salsa alla rumba, dal danzón alla conga. A solo un’ora da l’Havana, Varadero si trova in una posizione ideale per conoscere l’isola e per fare delle escursioni nella capitale e in altre mete di grande interesse, come: Trinidad, Cienfuegos, Santa Clara e la verdissima zona di Pinar del Rio. Da non perdere: Calle 62, per farsi trascinare nel vero ritmo cubano.

Holguín è la terra natale del leader indiscusso della Rivoluzione cubana: Fidel Castro. Con le sue foreste misteriose, le spiagge bianchissime e i paesaggi mozzafiato, questa regione non delude le aspettative. Tra le colline del Cerro de Mayabe e Loma de la Cruz scopriamo la cittadina di Holguín, lo specchio della vera Cuba. La cortesia e la genuinità dei suoi abitanti, felici di condividere le loro storie con i visitatori, rendono Holguín una meta unica e straordinariamente autentica. Grazie anche ai suoi incantevoli giardini e agli spazi verdi, si è guadagnata l’appellativo di “ciudad de los parques” e chi si avventurerà sulla vetta della collina Cruz la potrà ammirare da una nuova prospettiva.

Da Holguín si possono poi raggiungere altre città caratteristiche, come Baracoa, la prima colonia fondata dai conquistadores spagnoli, contraddistinta dal suo affascinante centro storico, la rigogliosa vegetazione tropicale e le spiagge dal mare cristallino. Non lontano, c’è il Parco Naturale Alejandro de Humboldt, un’altra meraviglia della natura che quest’isola ci offre. Non a caso nel 2001 è stato inserito nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’Unesco e fa parte della riserva della Biosfera mondiale. Così Cristoforo Colombo disse quando raggiunse le sue spiagge: “La terra più bella che mai occhi umani videro”.. e come dargli torto.

Innumerevoli sono le splendide spiagge di Cuba, ma Cayo Largo del Sur (lungo isolotto del sud) è forse la più bella di tutte, un piccolo paradiso in mezzo al Mar dei Caraibi. Si trova appena sotto Cuba, alla quale appartiene e che la protegge dalle correnti regalandole un clima favoloso. Le sue acque sono sempre calde, invitanti, con fondali che rappresentano un vero tesoro faunistico, una riserva naturale in cui l’intervento umano agisce ancora nel pieno rispetto dell’ambiente per non alterarne la bellezza e l’autenticità, regalando un’ambientazione surreale a chi desidera godere della purezza della natura nella sua forma più selvaggia.

Immerso in un paesaggio incontaminato e in un’atmosfera da sogno, l’isolotto è formato da 25 km di litorali semi deserti in cui si susseguono le spiagge più belle di Cuba: bianche, finissime e lambite da un mare turchese, limpido e sempre caldo, prime fra tutte Playa Sirena e Playa Tortuga dove le testuggini vanno a depositare le proprie uova. Io trovo che sia il vero Paradiso Terrestre.

Per concludere vorrei solo ricordarvi che a Cuba ancora c’è l’embargo, e pertanto la popolazione vive di quello che produce e degli aiuti che gli arrivano. Ciò nonostante le strutture fanno in modo che ai loro clienti non manchi mai niente, quindi se vi capiterà di mangiare sempre, più o meno, le stesse cose, ricordatevi degli sforzi che i cubani fanno per regalarvi una piacevole vacanza. Una delle cose che mai dimenticherò di questa terra, è il sorriso delle persone, perché nonostante tutto, loro sorridono sempre, e sono sempre positivi…una filosofia di vita che ho fatta mia.

Hasta la vita! Siempre! Grazia!

Grazia

Maria Grazia Spotti
Consulente di viaggi

Mobile: 320/4827521 
Email: viaggiarecongrazia@gmail.com
Skype: grazia.24974

Pagina Fb https://www.facebook.com/agenteviaggilastminutetour

 

Follow:

9 Comments

    • Grazia
      September 3, 2019 / 6:47 pm

      Cuba ti resta nel cuore

  1. marymakeup
    Author
    September 3, 2019 / 1:03 pm

    Cuba è nella mia lista di viaggi da fare…però ho un sacco di posti prima di Cuba, magari nella prossima vita? Bacio e bentornata x

    • Grazia
      September 3, 2019 / 6:47 pm

      Nooo devi assolutamente andarci in questa vita. Grazie tesora

  2. September 3, 2019 / 2:17 pm

    It is beautiful in Cuba! I love how they paint the buildings those bright vibrant colors.

    • Grazia
      September 3, 2019 / 6:46 pm

      È verissimo, I colori di Cuba rispecchiano la solarità della sua gente.

  3. September 3, 2019 / 10:35 pm

    Thanks so much for this virtual tour! I would not know where to begin in this colourful city so it’s great to hear your experience.

  4. September 4, 2019 / 1:59 am

    Wow, these pictures make Cuba look stunning! Definitely on travel list for someday.

  5. September 4, 2019 / 3:46 am

    It looks absolutely beautiful there! Definitely want to make a trip out there soon!

    Kileen
    cute & little

Leave a Reply