Onions: cheap & delicious

Cipolle – immagine internet

Ho sempre pensato che la vera creatività fa creare piatti sfiziosissimi con materie prime poverissime. Nella cucina vegana niente è più vero. Oggi voglio parlarvi di un ingrediente povero, anzi poverissimo, ma ricco di proprietà e di sapore, inoltre è estremamente versatile; La cipolla.

Amica di migliaia di ricette rende golosi innumerevoli piatti, dal sapore rustico ed intenso. Quel bulbo odoroso capace di farci piangere come bambini, racchiude proprietà davvero interessanti. Qualcuno le adora, altri le detestano come succede spesso per i sapori dalla personalità decisa.

Le sue caratteristiche fondamentali sono davvero preziose:

  • è ricca di vitamine, sali minerali e oligoelementi;
  • è antinfiammatoria, antibatterica e digestiva;
  • ha potere espettorante;
  • fluidifica il sangue;
  • contrasta l’innalzamento della glicemia;
  • grazie alla sua composizione ricca di acqua aiuta la diuresi e ha un effetto depurativo;
  • favorisce la diminuzione dei trigliceridi e del colesterolo nel sangue.

Ricordo come fosse ieri quando ero bambina e mia nonna mi raccontava la storia di come mio nonno avesse curato la cecità con le cipolle. Durante la prima guerra mondiale, mio nonno partecipò alla campagna di Russia. Durante uno scontro con il nemico, a seguito dello scoppio di un ordigno cadde prigioniero e si ritrovò cieco. Così il cuoco della prigione, che aveva una segreta simpatia per gli italiani, gli procurò delle cipolle e dopo qualche settimana di impacchi, fatti di sole cipolle crude, la vista magicamente riappare. Ho sempre pensato fosse una storiella un po’ romanzata, ma raccontata da mia nonna era ogni volta più affascinante.

Ora veniamo a noi! Perché so che quando mi leggete vi aspettate di sentir parlare di cose buone!! Le qualità che uso più spesso sono le cipolle gialle, quelle rosse di Tropea e i cipollotti. Le diverse varietà si distinguono per il sapore…dal dolce al più delicato, dal pungente e quello più intenso. La giusta varietà può aiutare ad orientare la sapidità di un vostro piatto e se ben equilibrato, con altri ortaggi e vegetali, può farvi abbandonare l’uso del sale.

Partiamo dalla base: i soffritti.

Un buon soffritto è fatto con olio extravergine ed un cucchiaio d’acqua (per renderlo più leggero), del rosmarino e una foglia di alloro possono insaporire qualunque condimento. Se volete aumentare la sapidità sedano e capperi al naturale sono l’ideale.

Uno dei miei piatti preferiti dove le cipolle sono sempre abbondanti è la zucca stufata.

Ad un pezzo di zucca da 300gr si aggiungono 500gr di cipolle gialle, del rosmarino, dell’olio evo e della curcuma. Faccio soffriggere per qualche minuto aggiungendo un pochino di acqua per evitare che l’olio bruci, quando la cipolla si è imbiondita aggiungo una tazza di acqua minerale e lascio ammorbidire il tutto. Come zucca preferisco quella gialle, tipica del sud, usatissima in Sicilia, se fosse di una qualità diversa, dal sapore dolciastro, potreste dover aggiungere sale. Se vi piace l’agrodolce potete aggiungere un cucchiaio di aceto di mele.

Crema di cipolle e zucca

A me piace passare tutto al mixer e fare una cremina che poi uso per condire il tofu o la pasta e spesso aggiungo dei ceci lessi e del riso integrale. Un piatto come questo è l’ideale anche per i bambini, se non avete sale e aceto, con ceci e riso o pasta sarà ghiottissimo. Mio figlio di due anni adora questa ricetta, quando ha finito la sua porzione viene sempre a pescate nel mio piatto!

Ci sono infiniti modi di cucinare cipolle. Crude mantengono al meglio le proprietà nutritive, io talvolta però le digerisco con più fatica nonostante mi piacciano molto. Crude nelle insalate (il cipollotto è fantastico con pomodori lattuga e spinacini ) nel gazpacho, nella guacamole, con olive nere, cetrioli e peperoni in greek salad style.

Cotte sono deliziose anche per i ripieni di torte e salatini. Potete stufarle e poi schiacciare con la forchetta insieme ad una patata lessa per creare un composto morbido da mettere all’interno  di bocconcini di pasta fillo. Le cipolle rosse sono ottime caramellate per guarnire tempeh o il seitan cucinato su piastra o stufato.

In versione vegan si può riprodurre la classica frittata di cipolla che è un evergreen. Basta usare della farina di ceci e dell’acqua, amalgamare il tutto per ottenere un composto piuttosto liquido, ma corposo e lasciare riposare circa 3 ore. Poi dovete solo tagliare delle cipolle gialle alla julienne ed è fatto. Se volete renderla un po’ ghiotta potete aggiungere rosmarino e sale grosso macinato.

Cipolle

Le marmellate poi hanno un sapore delizioso e sul pane di segale integrale sono uno spuntino originale. Purtroppo non tutti le tollerano e talvolta risultano indigeste e fastidiose. Vi sarà capitato di ritrovarvi gli occhi gonfi di lacrime e con la voglia di grattarvi il viso…un trucchetto che si può utilizzare è quello di bagnare il coltello prima di tagliarle oppure passarle sotto l’acqua.

Se vi preoccupa il sapore che persiste in bocca potete masticare qualche chicco di caffè e se anche così non passa fate le misteriose e tenetevi lontane dai vostri uomini qualche giorno…oppure condividete il pasto!

A voi piacciono le cipolle? Le utilizzate spesso? Come? Spero che il mio post vi sia piaciuto, aspetto i vostri commenti, un abbraccio e alla prossima, Irene!

Irene Agola – Sport e Cucina

 

Mi chiamo Irene ho 38 anni, sono un’inguaribile irrequieta, sport e cucina sono tra le cose che più mi rendono viva !Adoro camminare e le due ruote sono il metodo alternativo di movimento, l’acqua poi…una passione rigenerante!

Mi piace sperimentare in cucina, soprattutto quando si tratta di riprodurre o inventare ricette veg e scoprire nuovi sapori.

 

 

Follow:

11 Comments

  1. marymakeup
    July 19, 2018 / 6:07 pm

    Io adoro le cipolle, ne mangio tantissime e le metto praticamente su tutto. Per l’alito no problem…le mangia anche mio marito hahahahah

    • Irene
      July 20, 2018 / 7:52 am

      Ottima idea, uno pari palla al centro😉

  2. Valeria
    July 19, 2018 / 6:24 pm

    A me piacciono, ma non le digerisco o meglio ci metto davvero molto per cui cerco di evitare, ma mi dispiace perché come detto mi piacciono

    • Irene
      July 20, 2018 / 7:54 am

      In famiglia si usa metterle a bagno con il latte per renderle più digeribili se dovessi provare fammi sapere se ha funzionato!

    • Irene
      July 20, 2018 / 7:57 am

      Dimenticavo anche la curcuma e lo zenzero aiutano molto!

  3. July 20, 2018 / 5:18 am

    Onions are the backbone of so many of my recipes. Love them!

  4. Jessica
    July 20, 2018 / 6:30 am

    I love onions in just about anything!

  5. Irene
    July 20, 2018 / 7:55 am

    What about onion rings????I love them

  6. July 20, 2018 / 12:21 pm

    Onions are a big part of Indian cooking. Most recipes use them. At our home, we just love the versatility of it and it’s abiltiy to iprove the taste of many other dishes. I very much enjoyed the story of your grandfather. How interesting!

  7. July 20, 2018 / 2:35 pm

    I’m not the biggest lover of onions… but reading their many health benefits has me motivated to use them more. Especially if they help eyesight!

  8. Nicole
    July 21, 2018 / 4:00 pm

    This looks yummy! I do love onion in recipes! Thanks!

Leave a Reply