Instagram e non sai cosa vedi…

 

 

Ora, io amo molto Instagram lo sapete, ma sempre più spesso vedo video che sono allucinanti. Ovviamente mi riferisco al mondo del make-up ed oggi ho deciso di fare questo post perché davvero delle volte non si può far finta di niente e restare zitti, proprio non si può, o meglio io proprio non ci riesco.

Un paio di giorni fa stavo scorrendo le pagine che seguo su IG e mi sono imbattuta in questo video che vi riporto qui sotto e che vi invito a guardare, per seguire il mio discorso più che altro:

🎥Yay or nay? Shopping link in bio❤️ • • • @jawaherrbrr

A post shared by Makeuptutorials (@make.up.holics) on

Ora, da dove volete che inizi? Non basta avere un bel faccino per fare video, bisogna anche conoscere quello di cui si parla e questa ragazza come prima cosa, non ha nessuna, dico nessuna conoscenza nemmeno basica di cosmetologia.

Gli errori, anzi gli orrori in questo video sono tantissimi, ma voglio soffermarmi su un paio di punti che secondo me sono molto importanti:

  • correzione del viso
  • utilizzo del prodotto

Vediamo un po’…da quando si cercano di coprire le occhiaie con un rossetto rosso? Le occhiaie sono verdi? No perché il rosso è un colore complementare del verde e quindi utilizzato in questo modo non porta ad alcun risultato. C’è da dire poi che la texture di un rossetto non è minimamente paragonabile a quella di un correttore, come del resto la tenuta.

Cosa voleva ottenere esattamente? Forse un correttore color arancio? Prima di tutto esiste già in commercio e quindi non c’è alcun motivo di crearlo da soli con un rossetto poi…ma sono certa che non era questo il suo intento anche perché nella zona perioculare ci passa ben 4 volte: rossetto rosso, correttore (mi sembra quasi rosato), fondotinta e di nuovo correttore chiarissimo! Che correzione è questa esattamente?

 

 

Vediamo un po’…i colori primari sono tre: giallo, magenta e non rosso e ciano e non blu! I colori secondari di ottengono dall’unione di due colori primari nella stessa percentuale (50%-50%). I colori terziari o sottrattivi si ottengono unendo un colore primario con un secondario o due colori primari ad esempio in diverse percentuali.

Non mi esprimo per quanto riguarda il contouring perché è davvero una cosa ridicola, lasciatemelo dire. Ormai il post Kardashian ha creato piccoli mostri online e se ne vedono davvero di tutti i colori. Come vorrei vederla alla luce del sole questa ragazza voi non avete idea…e mi piacerebbe inoltre vederla dopo una sola ora dalla fine del video, sì perché colerebbe ve lo dico io…

I prodotti cosmetici nascono per uno scopo e per quello scopo devono essere usati. Ma voi usereste lo shampoo come crema per il corpo? Oppure il detergente intimo come dentifricio? Ecco allora perché usare un rossetto come correttore? Perché usare un rossetto liquido come ombretto? Perché?

Ve lo dico io perché, perché ormai è concesso tutto, si spettacolarizza qualsiasi cosa ed i video normali sono noiosi, ma qui ahimè oltre a dare un messaggio sbagliato si rischia anche di farsi male eh? Si perché i prodotti cosmetici in commercio sono dermatologicamente testati, ma il test viene fatto per il loro uso specifico. Possibile che questa cosa non si capisca?

La zona perioculare è una zona delicatissima, dove la pelle è molto sottile e in quest’area vengono applicativi prodotti che normalmente hanno una scadenza di 6 mesi (eyeliner, correttori, crema contorno occhi, mascara ecc.), il rossetto ha una scadenza di 36 mesi (ma lasciatemelo dire io neanche un bio certificato applicherei in quell’area).

Secondo voi questi due prodotti contengono gli stessi ingredienti? No, ovviamente no! In commercio tra le altre cose ci sono anche rossetti che contengono piombo di marche anche piuttosto note e questa ragazza cosa fa con così tanta spensieratezza e semplicità? Invita chi guarda ad applicare un bello strato di rossetto in una delle zone più delicate corpo! Complimenti…

Non contenta poi decide di passare anche un po’ di rossetto liquido sulla palpebra, ovviamente anche questa è una cosa che non vi consiglio di fare…noi truccatori applichiamo del gloss trasparente sulle palpebre delle volte, ma al solo fine di una foto o di un velocissimo set fotografico quando vogliamo ottenere un effetto lucido/acquoso, ma vi posso garantire che è una cosa poco usata anche tra i truccatori ormai perché il gloss rende il trucco instabile ed il trucco dopo l’applicazione del gloss deve essere completamente rifatto, quindi…

Volete usare il rossetto per altri scopi? Bene allora usatene un po’ sulle guance per fare un blush personalizzato (fatelo solo con un rossetto bio con un ottimo inci mi raccomando), ma non applicatelo mai nella zona perioculare, la pelle lì è sottilissima e delicatissima.

Qui di riporto uno stralcio di un articolo redatto da una Dermatologa:

I prodotti ideali per il contorno occhi

Sin dai tempi piu’ antichi il belletto (make up) e’ stato utilizzato soprattutto per la zona perioculare con lo scopo di intensificare lo sguardo, facendo apparire gli occhi piu’ grandi e luminosi e per proteggerli da eventuali infezioni. Negli anni sessanta sono comparsi sul mercato la maggior parte dei cosmetici dell’area perioculare di uso comune.

Attualmente le principali preparazioni per il contorno occhi includono il mascara, noto come “rimmel”, l’ombretto, attualmente con predilezione per quelli in creme e olii, l’eyeliner, la matita, le creme e i gel contro i principali inestetismi e disturbi (quali la xerosi, le rugosità, le borse, le occhiaie), i fondotinta, i correttori e i detergenti. Ciascun prodotto, oltre a garantire una facile applicazione, deve mantenere le sue caratteristiche (colore, brillantezza, potere idratante, ecc.) e non deve irritare o essere tossico, non solo per la cute, ma anche per l’accidentale contatto con l’occhio.

I preparati vanno scelti dalle aziende produttrici in base alle normative CEE, le quali garantiscono il pieno rispetto delle caratteristiche oftalmologiche e biologiche. Per esempio i pigmenti non devono essere solubili in acqua e i conservanti devono essere selezionati tra quelli autorizzati, anche in base alla loro concentrazione, non devono essere irritanti, ne’ tossici. Ciò può apparire abbastanza ovvio, eppure ci sono circa quattrocento sostanze proibite nell’uso della fabbricazione di cosmetici e articoli di toeletta. Questo significa che, evidentemente, tali molecole sono state utilizzate dalle case produttrici e che percio’ e’ molto importante la scelta di queste ultime. La serietà di un’azienda e’ garanzia della qualità dei suoi prodotti e della sicurezza del consumatore… occhio quindi ai preparati consigliati per l’occhio!

Note di anatomia

Le palpebre sono costituite da tre strati, cutaneo muscolare e fibroso, detto tarso. La cute ha un epitelio particolarmente sottile, il cui spessore e’ di circa 0.004 mm, rispetto ai 2 mm della regione plantare; anche il derma e’ sottile e lasso, con maggior distensibilità e l’ipoderma quasi assente, cosi’ come il tessuto connettivo. E’ interessante notare che in tale sede e’ presente un maggior quantitativo cutaneo per unita’ di superficie rispetto ad altri distretti corporei.

I movimenti dell’area oculare sono controllati da circa 22 muscoli diversi. Il tessuto adiposo e’ posto al di sotto dello strato muscolare e disposto a cuscinetti. Ciglia e sopracciglia sono rappresentate da grossi peli terminali. Dopo i 45 anni queste ultime crescono più velocemente, mentre le prime tendono a rallentare il loro sviluppo.

Se volete leggere tutto l’articolo lo travate qui.

Quali sono le conseguenze di un uso improprio di un prodotto cosmetico? Ecco qui un altro stralcio di un articolo postato su dermatite.it:

La dermatite agli occhi da contatto: le cause e i sintomi. E’ provocata dal contatto diretto dell’area oculare con una sostanza irritante. Si tratta soprattutto di sostanze contenute in cosmetici, detergenti e colliri. L’azione irritante viene esacerbata dall’acqua: anche l’acqua si pone quindi come un agente irritante vero e proprio. L’irritazione è dovuta al fatto che tracce di acqua tendono ad accumularsi nella palpebra formando umidità (ciò avviene perché la cute palpebrale e quella perioculare sono prive di ghiandole sebacee).

Nichel (metallo spesso presente in vari cosmetici), cobalto, rame, cromo, conservanti contenuti in colliri o liquidi per lenti a contatto, coloranti presenti nei trucchi, sostanze chimiche e aggressive di detergenti e shampoo sono fra le sostanze che più frequentemente scatenano una infiammazione da contatto agli occhi.

I sintomi principali sono:
– Arrossamento cutaneo
– Eruzioni cutanee nell’area perioculare
– Raggrinzimento della cute
– Prurito e/o bruciore
 Desquamazione della cute palpebrale
– Edema (gonfiore dovuto all’accumulo di liquidi nella zona palpebrale). A volte l’occhio può anche lacrimare.

Le possibili complicanze 
Se l’irritazione è particolarmente intensa, è possibile che si sviluppi un’infiammazione oculare più seria: ad esempio, una congiuntivite o una blefarite. In tal caso, verrà quasi sicuramente prescritta una terapia antibiotica locale (pomate o colliri).

Il resto dell’articolo lo trovate qui.

E se il video in alto mi ha scatenato tutto questo…beh pensate quante cosa avrei da dire anche su questo altro video:

🎥Yay or nay? • • • @emeraldxbeauty

A post shared by Makeuptutorials (@make.up.holics) on

Mi limito a dire che queste sono cialtronerie, niente a che vedere con il mondo “serio” del make-up. Se qualcuno vuole applicarvi un rossetto o un gloss come correttore, beh non permetteteglielo, anzi alzatevi e non tornate più da lui/lei.

Un truccatore serio queste cose non le fa…perché un truccatore serio è preparato e conosce il cosmetico e sa dove deve essere applicato. Un truccatore serio non fa video spettacolari, ma video semplici senza tanti effetti speciali. Un truccatore serio vi rende più belle con semplici consigli e con l’aiuto del make-up…non vi manda in ospedale.

Penso di avervi detto tutto, fate attenzione mi raccomando. x

Follow:

8 Comments

  1. November 17, 2017 / 9:39 pm

    Pure io so.che il rossetto non si usa sugli occhi e in.zone.cosi delicate. Come.ti.capisco amica mia, un po’ come.quando io leggo.di persone che.si.improvvisano agenti.viaggio, solo.x aver fatto un viaggio fai da te sono conoscitori di questo mondo.

    • marymakeup
      November 17, 2017 / 9:40 pm

      sì esatto, è la stessa cosa…

  2. November 18, 2017 / 12:24 pm

    Questi video sensazionalistici hanno rotto le scatole. Io ormai neanche li apro più, oltretutto rischiano di essere anche pericolosi.

    • marymakeup
      November 19, 2017 / 10:02 pm

      il problema dalla mia indignazione Sara, è proprio questo :/

  3. November 18, 2017 / 2:55 pm

    Ma anche sulle creme viso c’è scritto che non vanno usate sul contorno occhi figuriamoci… Tra l altro usano tutte huda 😁

    • marymakeup
      November 19, 2017 / 10:03 pm

      Guarda Fra, io davvero non capisco come un video del genere possa avere così tanto successo…è allucinante :/

  4. November 18, 2017 / 4:09 pm

    Che dire, penso che non ci sia altro da aggiungere anche se mi sento un po’ colpevole perchè talvolta uso il detergente intimo come detergente viso, ma è l’unica cosa che la mia pelle non rigetta quando ho il ciclo purtroppo….
    Però sul trucco non ho la benchè minima competenza, per questo mi limito al massimo, le tre cose in croce che uso vanno solo ed esclusivamente al loro posto, mi fido poco della versatilità che il web regala ai prodotti!

    • marymakeup
      November 19, 2017 / 10:04 pm

      ecco, hai detto bene Francesca, che il web regala ai prodotti :/

Leave a Reply