Ele’s book corner: Joel Dicker – Il Libro dei Baltimore

Ele’s book corner: Joel Dicker – Il Libro dei Baltimore

Oggi inauguro una nuova rubrica della quale sono molto felice. Sono una discreta lettrice, a volte discontinua (stanchezza, mancanza di tempo, le solite cose insomma…) ma appassionata. Le mie letture spaziano dal fantasy, ai saggi, ai gialli, fino agli immancabili romanzi strappalacrime, ma col tempo mi sono resa conto che apprezzo maggiormente quelle storie che portano con sé un mistero da risolvere.

In questi miei periodici salti nella letteratura cercherò di prendere in esame diversi generi, libri nuovi e classici senza tempo, ma anche libri non particolarmente blasonati, ma che mi hanno lasciato qualcosa, con la speranza di dare qualche buon consiglio. Comincio con la lettura che più mi ha rapita quest’estate: Il libro dei Baltimore di Joel Dicker.

Giusto un paio di cenni sull’autore: Joel Dicker e’ uno scrittore svizzero; nonostante la sua giovane età (è del 1985) ha già all’attivo tre romanzi, il secondo dei quali, “La Verità sul caso Harry Quebert” è stato una specie di caso letterario e ha avuto un enorme successo con traduzioni in 35 lingue (per forza, è bellissimo, leggetelo).

Ma non divaghiamo troppo, torniamo al Libro dei Baltimore… riporto qui di seguito la trama cosi come compare sulla seconda di copertina:

Sino al giorno della Tragedia, c’erano due famiglie Goldman. I Goldman di Baltimore e i Goldman di Montclair. Di quest’ultimo ramo fa parte Marcus Goldman, il protagonista di La verità sul caso Harry Quebert. I Goldman di Montclair, New Jersey, sono una famiglia della classe media. I Goldman di Baltimore, invece, sono una famiglia ricca. A loro, Marcus ha guardato con ammirazione sin da piccolo, quando lui e i suoi cugini Hillel e Woody, amavano di uno stesso e intenso amore Alexandra. Otto anni dopo una misteriosa tragedia, Marcus decide di raccontare la storia della sua famiglia: torna con la memoria alla vita dei Goldman di Baltimore. Ma c’è qualcosa, nella sua ricostruzione, che gli sfugge. Vede scorrere gli anni, scolorire la patina scintillante dei Baltimore, incrinarsi l’amicizia con Woody, Hillel e Alexandra. Fino al giorno della Tragedia. E da quel giorno Marcus è ossessionato da una domanda: cosa è veramente accaduto ai Goldman di Baltimore? Qual è il loro segreto?

La storia, anche se raccontata da un Marcus ormai adulto, a mo’ di “liberazione”, e’ in gran parte ambientata poco tempo dopo quella che, per tutto il libro, viene chiamata La Tragedia. Questa Tragedia aleggia continuamente sulla testa del lettore, viene periodicamente nominata senza però fornirne i dettagli, che verranno svelati molto in là nella narrazione. Questo trucchetto usato dallo scrittore “scuote” il lettore, specialmente nella prima parte del libro dove si parla di quanto meravigliosa fosse la vita a Baltimore, ricordandogli che a un certo punto qualcosa andrà tremendamente storto e incuriosendolo a continuare.

Dicevamo, il giovane Marcus, convocato dall’adorato zio Saul a un mese da questa famosa Tragedia, ha il compito di scavare nella sua memoria e nelle tracce che la sua famiglia ha lasciato per riuscire a dare a se stesso delle risposte che cambieranno la sua visione della sua infanzia e adolescenza. E così si scopre la storia dei Goldman, o meglio, dei due rami della famiglia costituiti dai due fratelli.

Ci sono i Goldman di Baltimore, capitanati dallo zio Saul, avvocato, e dalla zia Anita, dottoressa, con i cugini Hillel e Woody. Ricchi, perfetti, eleganti, fuori dal mondo. Impossibile non ammirarli ed invidiarli un po’. E poi ci sono i Goldman di Montclair, New Jersey, di cui fanno parte Marcus e i suoi genitori: una normale, tranquilla famiglia della classe media americana. Il ragazzino Marcus soffre un po’ questa disparità, che peraltro il nonno non manca mai di rimarcare, ma non tramuta questo senso di inferiorità in rifiuto; lo trasforma invece in venerazione, recandosi spesso dai cugini ai quali è estremamente legato.

La prima parte del libro scorre con i racconti delle vacanze passate insieme nelle varie residenze dei “Baltimore”, del giardinaggio del trio dei cugini, delle scorribande… Il legame tra i tre ragazzi è granitico, seppure ognuno mantenga una propria identità molto precisa. Marcus è il classico bravo ragazzo della borghesia, Hillel il cervellone con gran carisma e un piglio che mette spesso in serie difficoltà i suoi docenti, e Woody il ragazzone sportivo e leale dotato di grande forza fisica. In realtà, si scopre, la storia di Woody ha origine altrove. Il ragazzo non ha infatti legami di parentela con la famiglia, ma è stato adottato dallo zio Saul, che ne ha visto le potenzialità e lo ha salvato da una famiglia disastrata.

Il favoloso trio quindi vive in pace e serenità fino a quando non salta fuori un elemento di disturbo, che altro non può essere che una ragazza: Alexandra, figlia di uno dei vicini di casa dei Baltimore e sorella di Scott, un ragazzino che per un certo periodo di tempo trasformerà il trio in un emozionante quartetto. Alexandra a un certo punto diventa il fulcro attorno a cui i ragazzi ruotano, e il fatto che Marcus cominci a frequentarla non è che una piccola crepa che aiuterà ad aprire un vaso di Pandora di cose taciute in quel mondo apparentemente perfetto. Un mondo che in realtà nasconde ombre che il lettore non immagina e che Marcus non può far altro che portare alla luce.

Vi ho già detto troppo! Il libro è bellissimo, un tomo da quasi 600 pagine che però ho letteralmente divorato. I vari attori di questa storia sono tutti caratterizzati alla perfezione e il lettore si immerge completamente in questa epopea familiare tanto da affezionarsi ai singoli personaggi, ai loro difetti e alle loro peculiarità. Vi assicuro che quando terminerete l’ultima pagina vi sembrerà di aver salutato dei vecchi amici. Insomma, se volete un libro che vi catturi, non banale e ottimamente scritto (e tradotto) vi consiglio di non farvi spaventare dalla mole. Non ve ne pentirete.

Baci! Elena

Elena Demuru – Beauty

Donna, mamma, lavoratrice.

Sono un’appassionata di trucchi, di musica, di cinema e di qualunque cosa stuzzichi la mia curiosità.

C’è sempre da imparare!

E-mail: elena.demuru@virgilio.it

Follow:

13 Comments

  1. marymakeup
    October 3, 2018 / 8:13 pm

    Prima di tutto complimenti per il pezzo che mi è davvero piaciuto molto e che mi ha fatto venire voglia di leggere il libro. Devo prima finire però gli altri 6 libri sulla scrivania che mi sono promessa di finire entro e non oltre la fine dell’anno. Un bacio x

    • Elena
      Author
      October 3, 2018 / 9:46 pm

      Grazie cara! Anche io ne ho sempre qualcuno che lascio indietro… ma questo è davvero bello e anche il precedente. Raccomandatissimi 😘

      • marymakeup
        October 3, 2018 / 10:35 pm

        aggiungo alla lista…mannaggia 😀

  2. October 4, 2018 / 4:21 am

    This is a great literature review. It sounds exhilarating! I also love the feature of being able to change the language of your post. That is awesome!

    • Elena
      Author
      October 5, 2018 / 12:22 am

      Thank you very much and happy reading 😊

  3. October 4, 2018 / 4:40 am

    I’m always on the hunt for a great read…thanks for the thorough review! Now I just need to stay awake long enough to read at bedtime.

    • Elena
      Author
      October 5, 2018 / 8:36 am

      Hi! I have the same problem… when I’m on holiday I’m a Hugo reader… but everyday life is harder and sometimes you are just too tired.

  4. October 4, 2018 / 4:47 am

    Sounds like a great read! I’m more of an audio book girl, so I’ll have to look for it on audio.

    • Elena
      Author
      October 5, 2018 / 8:37 am

      I’d like to try audio books, they must be great especially if you drive a lot. Thank you!

  5. October 4, 2018 / 12:16 pm

    I’m always looking for a good book recommendation! I’m totally intrigued after reading your review!

    • Elena
      Author
      October 5, 2018 / 8:39 am

      Thank you so much, it is a wonderful story. I am glad you like my advice 😊

  6. October 4, 2018 / 7:05 pm

    I am going on vacation soon and am in need of a good book. This sounds like a book I would enjoy, thanks!

    • Elena
      Author
      October 5, 2018 / 8:40 am

      Vacation is the best time for reading! Enjoy your time and good books! 😘

Leave a Reply