Come mantenere i capelli in salute

Immagine internet

Capelli fragili e cute delicata? Prova a migliorare la tua dieta.

La caduta dei capelli, entro certi limiti, è assolutamente normale: il bulbo infatti produce, nutre ed elimina circa una ventina di capelli durante il suo intero ciclo di vita. Se qualche capello rimane nel pettine, quindi, potrebbe essere semplicemente arrivato alla fine del suo normale ciclo vitale.

Poi ci sono stagioni, come l’autunno e la primavera, durante le quali il ricambio cellulare è più intenso e questo fenomeno si manifesta in maniera più evidente; in questi periodi spesso i capelli diventano fragili e opachi, ma sono tutti segnali di un periodo transitorio che non deve allarmare più di tanto. Vediamo invece in quali casi è necessario intervenire.

Quali sono le possibili cause e i rimedi?

Tra le possibili cause di indebolimento dei capelli troviamo alcune “interne” come un’alimentazione non equilibrata, una dieta troppo drastica o anche dei cambiamenti ormonali come quelli che si manifestano durante il ciclo o la gravidanza; tra le cause “esterne” troviamo invece lo smog, le tinture chimiche e l’uso frequente di shampoo aggressivi o del phon a temperature eccessivamente alte.

Se intervenendo su una di queste cause non si verifica più la perdita di capelli, allora la cute non ha problemi, se però la situazione non accenna a migliorare è consigliabile approfondire la questione e capire come risolvere il tutto in maniera mirata.

Immagine internet

Meglio non aspettare che il problema peggiori e agire invece tempestivamente: giocare d’anticipo infatti a volte è davvero cruciale per limitare i danni. Come intervenire? Il primo passo da fare è sicuramente quello di partire dall’igiene dei capelli, acquistando uno shampoo specifico per la cute sensibile prodotto da marchi affidabili come Bioscalin; in questa maniera non si andrà a peggiorare lo stato di irritazione lavaggio dopo lavaggio. Oltre a questo, bisognerà seguire un’alimentazione mirata, assumendo regolarmente dei cibi ricchi di sostanze utili per capelli e cuoio capelluto, che aiutano a prevenire e curare l’indebolimento dei bulbi.

I cibi amici dei capelli

Uno degli elementi più preziosi per i capelli è il silicio: questo, ossidandosi, produce il collagene, sostanza particolarmente utile per la chioma in quanto la rende corposa e luminosa. I cibi più ricchi di silicio sono il miglio, l’aglio, la cipolla, il cavolfiore, le fragole e i piselli freschi.

Un cereale che si rivela di grande aiuto in questo senso è il teff etiope, privo di glutine e ricco di calcio, ferro e magnesio: la sua assunzione stimola infatti la ricrescita dei capelli e rafforza i fusti. Anche le noci, i semi di girasole e gli anacardi sono una vera e propria miniera di salute, in quanto ricchi di sostanze e oli preziosissimi per la salute dei fusti.

Infine ci sono due tra i rimedi della più antica erboristeria: l’ortica e l’equiseto. La natura ci viene in aiuto anche con altri rimedi, da usare esternamente tramite massaggi al cuoio capelluto che lo stimoleranno a ossigenarsi e nutrirsi.

È possibile massaggiare la cute con olio d’oliva, di jojoba o di sesamo, oltre ad applicare un’infusione di salvia o rosmarino prima dello shampoo. Anche l’henné, diffusissimo nelle popolazioni nordafricane, è molto utile per rinvigorire i capelli…non resta che provare.

Follow:

Leave a Reply